Fotografia: I programmi di scatto

Per i neofiti della fotografia riteniamo utile dare delle delucidazioni sui “Programmi di scatto” delle Reflex (Canon, in particolare) e qualche regola di composizione. Seguite Carlo! Buona visione!

Corso di Fotografia – Programmi di Scatto

Fonte e link:Playerdue Lighting

Qualche regola di composizione:

Leggi anche:

Programmi di scatto. Cosa sono? A che servono?

Fonte e link: http://fotogartistica.blogspot.it/2011/01/programmi-di-scatto-cosa-sono-che.html

Il programma di scatto è la modalità con cui la fotocamera gestisce le coppie tempo/diaframma. Quasi tutte le fotocamera, siano esse reflex, bridge o compatte di ultima generazione, permettono la regolazione manuale o automatica di moltissimi parametri come il tempo di esposizione, il bilanciamento del bianco, l’apertura del diaframma, la modalità di messa a fuoco automatica.
Esistono varie modalità di scatto pre impostate nella fotocamera che permettono di scattare più velocemente. Tutte le reflex sono dotate almeno di alcuni  programmi di scatto. Le aziende utilizza una serie di simboli standardizzati.  I più comuni sono: programmato (P), a priorità di tempi (Tv o S), a priorità di diaframmi (Av o A), manuale (M) ed infine Automatico. In modalità automatico, la fotocamera decide sia tempo che diaframma e non dà la possibilità di modificare alcun parametro. In modalità programmata (P), la fotocamera sceglie sia tempo sia diaframma, lasciando però al fotografo la possibilità di cambiare la coppia tempo/diaframma o di sovra o sotto-esporre. Quando si preme a metà corsa il pulsante di scatto l’esposimetro propone una coppia tempo/diaframma , ruotando la ghiera principale si possono modificare le coppie tempo/diaframma.

In priorità di tempi (TV o S), si può scegliere il tempo di scatto, mentre la fotocamera regolerà il diaframma di conseguenza (nei limiti del diaframma minimo e massimo dell’obiettivo). Questa modalità è molto utile quando necessitiamo  di un tempo di scatto molto breve o di  un tempo più lungo. In priorità di diaframma (AV o A), si può scegliere il valore dell’apertura del diaframma mentre la fotocamera sceglie il tempo. In questa modalità si può scegliere l’apertura e la macchina automaticamente restituisce il giusto tempo di posa. La differenza è che a diaframmi più chiusi, ossia a f/ più elevato, corrisponde una profondità di campo maggiore, con oggetti a fuoco sia sullo sfondo che in primo piano, mentre a diaframmi più aperti cresce la grana e diminuisce la profondità di campo. La modalità manuale (M) lascia al fotografo il  100% dei parametri. Mediante questa modalità possiamo decidere le combinazioni di  tempo, diaframma e sensibilità ISO a nostro piacimento. Date uno sguardo al video tutorial di Playerdue Lighting.

 

Annunci


Categorie:Fotografia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: