M5S accusa il Governo: soldi per la Terra dei Fuochi usati per l’Expo 2015

M5S accusa il Governo: soldi per la Terra dei Fuochi usati per l’Expo 2015

di Vittoria Patanè | 9 Febbraio 2015 – 12:55

Il M5S accusa il Governo: soldi per la Terra dei Fuochi dirottati sull’Expo. Ecco di cosa si tratta

Fonte e link: http://www.forexinfo.it/M5S-accusa-il-Governo-soldi-per-la?utm_source=Forexinfo+Forex+Trading+Online&utm_campaign=6bf7bffe4d-forexinfo-daily-email&utm_medium=email&utm_term=0_4302bacf08-6bf7bffe4d-302716845

Un’accusa pesante quella che si legge sul blog di Beppe Grillo. Secondo i deputati della Commissione Difesa del Movimento 5 Stelle, il Governo avrebbe dirottato gran parte delle risorse stanziate per la Terra dei Fuochi al finanziamento di alcune iniziative di vigilanza riguardanti l’Expo.

Quello che per l’Italia rappresenta uno dei problemi più gravi dell’attuale periodo, sarebbe dunque stato messo in secondo piano rispetto all’Esposizione Universale che si aprirà a maggio.

Il M5S ci va giù pesante: il Governo avrebbe infatti usato il decreto Milleproroghe per aggirare le decisioni prese dal Parlamento e dirottare i fondi destinati alle Forze Armate nella Terra dei fuochi, ad operazioni di vigilanza connesse all’Expo.

Nel dettaglio:
“Dei 10 milioni di euro stanziati per il 2015 per la terra dei fuochi ben 9,7 milioni di euro vengono dirottati altrove. Noi non siamo contrari a che eventi a rischio terrorismo come l’Expo 2015 godano del servizio di vigilanza straordinario delle nostre Forze Armate, ma chiediamo che questo non avvenga a discapito delle operazioni di contrasto della criminalità organizzata in Campania.
Per questo avevamo proposto di finanziare la nuova operazione attingendo risorse dai fondi destinati alle missioni militari internazionali, ma la nostra proposta emendativa non è stata neanche presa in considerazione.

E ancora:
“Il Governo Renzi nel Decreto Milleproroghe ha tagliato 9,7 milioni di euro per la sorveglianza della Terra dei Fuochi, trasferendoli all’Expo di Milano. Quei soldi, di cui resta qualche briciola, dovevano servire anche per l’utilizzo di nuovi droni di sorveglianza contro il drammatico fenomeno dei roghi tossici, come da nostra risoluzione approvata in Commissione Difesa alla Camera qualche mese fa.

La Commissione Difesa ha infatti approvato ad ampia maggioranza una risoluzione che chiede all’Esecutivo di mettere in atto nuove forme, più moderne ed efficaci, di pattugliamento della Terra dei Fuochi. Tra queste appunto, figura l’utilizzo dei droni.

Il M5S sottolinea che:

Con il Milleproroghe si toglie ogni riserva finanziaria per questa sperimentazione, di fatto rinviandola al 2016. Riteniamo questo un fatto grave e un regalo indiretto alla camorra”.

IL NOSTRO COMMENTO: Questo segnalazione del M5S di dirottare fondi per dieci milioni di euro stanziati per la “Terra dei Fuochi” traferendoli all’Expo di Milano per accontentare gli espositori, è un fatto gravissimo che il Governo deve dare conto. Invitiamo il M5S a tenere d’occhio l’intera vicenda interessando, ove sussistano le condizioni, anche la competente autorità di tutela e la Magistratura. Per chi non lo sapesse (credo che non siano in pochi in Italia! Grillo farebbe bene a non dare per scontato tutto! L’ignoranza da Noi domina sovrana! ) la “Terra dei fuochi” comprende un territorio di 1076 km², nel quale sono situati 57 comuni, nei quali risiedono circa 2 milioni e mezzo di abitanti: 33 comuni situati nella provincia di Napoli e 24 comuni situati nella provincia di Caserta. È compresa quasi l’intera provincia napoletana, mentre del casertano è colpita soprattutto la parte meridionale e sud-occidentale.[3]

Si caratterizza per lo sversamento illegale di rifiuti, anche tossici, da parte della Camorra e, in particolare, dal clan dei Casalesi. In molti casi, i cumuli di rifiuti, illegalmente riversati nelle campagne, o ai margini delle strade, vengono incendiati dando luogo a roghi i cui fumi diffondono nell’atmosfera e nelle terre circostanti sostanze tossiche, tra cui diossina.

Da molti decenni, nelle campagne campane si sono verificati sversamenti di rifiuti industriali, rifiuti tossici e nucleari. In particolare, nelle zone di Succivo, Aversa, Caivano, Acerra e Giugliano in Campania si sono verificati roghi di rifiuti industriali, responsabili di un alto tasso di tumori che hanno colpito soprattutto giovani donne, al seno e alla tiroide, e bambini.

Nel 2011, secondo un rapporto dell’ARPA della Campania, un’area di 3 milioni di metri quadri, compresa tra i Regi Lagni, Lo Uttaro, Masseria del Pozzo-Schiavi (nel Giuglianese) ed il quartiere di Pianura della città di Napoli, risulterebbe molto compromessa per l’elevata e massiccia presenza di rifiuti tossici. (Tratto da Wikipedia) .

Un territorio destinato urgentemente ad essere bonificato dopo la devastazione operata dalla Camorra e Mafia in generale, viene anteposto e preferito all’Expo per non dispiacere gli industriali e la grande finanza. Vergogna! A chi aspettiamo! Mandiamoli tutti a casa a pedate!

 

Annunci


Categorie:Beppe Grillo, Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: