Maestra picchia un bimbo dell’asilo, arrestata grazie alle telecamere

Maestra picchia un bimbo dell’asilo, arrestata grazie alle telecamere

E’ successo in una scuola d’infanzia di Bisceglie. La donna filmata dopo le denunce ai carabinieri

di Giovanni Benedetto

Arrestata in flagranza, inchiodata dalle immagini di una telecamera piazzata nell’aula. I carabinieri sono intervenuti dopo l’ennesimo episodio di maltrattamento nei confronti di alcuni alunni. E’ stata così bloccata una insegnante di 60 anni, docente della scuola dell’infanzia San Giovanni Bosco di Bisceglie. I militari, che stavano effettuando indagini sul conto della donna dopo aver ricevuto alcune denunce, hanno deciso di intervenire prima che fosse troppo tardi.

Sulla vicenda non sono emersi ulteriori particolari. Ma la notizia, che già nel pomeriggio aveva fatto il giro della città, ha comunque trovato conferma. Si tratterebbe, trapela da ambienti investigativi, della conclusione anticipata di una indagine dei militari in corso da tempo, motivo per il quale avevano chiesto alla procura di Trani la possibilità di effettuare indagini tecniche. Diversi gli episodi registrati, in alcuni di questi sarebbero evidenti i maltrattamenti di cui erano state vittime i bambini.

La donna avrebbe in più occasioni strattonato i piccoli alunni, spesso urlando e rimproverandoli tanto da terrorizzarli. Avrebbe anche minacciato i piccoli di punirli con corpi contundenti, e qualche alunno sarebbe stato scaraventato sulla sedia perché non desse fastidio. Scene viste in diretta dai carabinieri; episodi che avrebbero terrorizzato i bimbi, inducendo i militari a intervenire ad indagini in corso. La maestra, di origini calabresi ma residente da tempo a Bisceglie, è stata arrestata in flagranza di reato, mentre proseguono gli accertamenti.

Prima di saperne di più bisognerà attendere l’udienza di convalida e l’interrogatorio della maestra, adesso ai domiciliari. La procura della Repubblica di Trani chiederà oggi al giudice per le indagini preliminari la convalida dell’arresto in flagranza. L’inchiesta, si è appreso da fonti investigative, era stata avviata una settimana fa e solo da tre giorni, su autorizzazione della Procura, erano state installate di nascosto alcune telecamere nell’aula in cui prestava servizio la maestra indagata. Ma sarebbero state sufficienti poche ore di visione diretta di quanto accadeva in quell’aula per far ritenere ai carabinieri che era necessario intervenire per evitare il protrarsi del presunto reato e tutelare i piccoli alunni. “Siamo intervenuti prima che fosse troppo tardi con l’arresto in flagranza che è obbligatorio in questi casi”, ha spiegato il procuratore aggiunto del tribunale di Trani Francesco Giannella, “c’erano in corso delle indagini ma abbiamo dovuto fare prima che fosse troppo tardi”.

L’udienza di convalida dell’arresto, con l’interrogatorio di garanzia della maestra, potrebbe tenersi entro la settimana. A maggio dello scorso anno, lo ricordiamo, un’altra insegnante, di 44 anni, era stata arrestata con l’accusa di maltrattamenti, anche lei inchiodata dalle immagini di una telecamera nascosta nell’aula di una materna di Barletta: la donna patteggiò 18 mesi di reclusione.

Guardate il video Tratto da La Cosa

Eccovi il link Cliccate QUI

IL NOSTRO COMMENTO: A gente di tal fatta bisognerebbe torcere il collo e bollirle dentro una pentola. Mi auguro che il padre del bambino afferri per il collo questa signora e la butti a mare. Non perché lo dico io perché lo ha detto Gesù Cristo 2000 anni addietro: «Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare». Vangelo di Marco (9,42) Un caso del genere meriterebbe innanzitutto il licenziamento da tutte le scuole d’Italia. Non 18 mesi per patteggiamento! Ma 18 anni di duro carcere a chi maltratta i bambini. Chi fa questo è un essere spregevole non degno di vivere in una Comunità. Del pari bisognerebbe licenziare anche chi dirige l’asilo per omessa vigilanza sulle maestre che prestano servizio. La scuola materna è una cosa molto delicata. Bisogna valutare bene le persone prima di metterle a contatto con i bambini. Fate girare a 360° in modo che si sappia chi insegna nelle scuole! Vergogna e schifo!

 

 

Annunci


Categorie:Cronaca e Attualità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: